Suore di menare 2

Philomena è bilanciato in modo talmente abile e accorto, un po’ di lacrime un po’ di Irlanda, un po’ di anni ’50 un po’ di ’80, un po’ di cinismo un po’ di diaspora, che alla fine emotivamente si neuralizza da solo. D’altra parte è difficile fare il seguito di suore di menare, bisogna dare atto a Frears che se l’è cavata bene e senza neanche bisogno di sparare agli ufi.

Advertisements