Nubi di ieri sul nostro domani odierno

in ordine di uscita finora, i film degli X-Men secondo me: bello, bruttarello, brutto, orrendo, manco visto, brutto, bello.

Questo Nubi di ieri sul nostro domani odierno non è affatto male. Intanto non mi sono addormentata nemmeno una volta e tenermi sveglia durante un film d’azione non è cosa da poco, per un film d’azione. Poi sono riusciti a farmi un happy ending ragguardevole, che pure questa è una cosa difficilissima, farmi un happy ending ragguardevole. Bravi. Per di più, c’erano un sacco di citazioni trekkie, inevitabili vista la presenza di Jean Luc Picard, la resistenza è inutile, la cosa migliore come saggiamente ha capito Brian Singer è abbandonarsi alla citazione trekkie, sit back, relax and enjoy the ride. Jean Luc Picard che comanda un’astronave. Fusioni mentali vulcaniane sofferenti. Un meta-Kirk sullo schermo televisivo. Il paradosso spaziotemporale vintage.

C’era anche una mutante nuova che si tinge i capelli col Manic Panic come me. Per il resto guali proprio.

Blink

Una menzione per Peter Dinklage, strepitoso diverso che odia i diversi, ti dimentici che è diverso perché diverso da cosa poi quindi pensi odia i diversi perché è un orrendo maccartista, ci devi pensare che l’idea di fondo è che è diverso che odia i diversi, devi razionalizzarlo perché sennò non ci facevi nemmeno caso. Uau.

Per il resto, ammirevole Hugh Jackman, che riesce a rendere credibile la pettinata di Wolverine in tutte le epoche. A me questo stile ipervascolarizzato non piace molto esteticamente, però so che è solo un effetto temporaneo (me l’ha spiegato il mio collega body builder) quindi va bene così.

Ma secondo voi, in questa timeline, Wolverine ha le lame o no? Secondo me no, perché Stryker era Raven e il punto di questo film è proprio che Raven non diventa Mistica. Ma chi può dirlo.

Comunque è stato un finale molto emozionante.

Advertisements