Dimentica il mio nome

Come si ben sa io sono una superfan di Zerocalcalcare, non mi toccate Zerocalcare.

Nonostante ciò mi trovo sempre sempre un po’ sfasata rispetto al suo pubblico, per cui quando tutti lo osannavano io lo trovavo ripiegato nel giovanilismo, poi quanto tutti hanno iniziato a dire che aveva finito le idee e si era venduto al mercato io ho cominciato a trovarlo compiuto e coraggioso, poi è uscito 12 e a me è piaciuto da matti mentre agli altri no, mentre quando è uscito Ogni maledetto lunedì su due io ho trovato la cornice poeticissima mentre gli altri non hanno proferito parola.

Ora vedo che con Dimentica il mio nome si grida al capolavoro della maturità.

Io di Dimentica il mio nome mi sento di dire solo una cosa, al di là della questione struttura un po’ sbilanciata che io avrei organizzato tutta diversamente ma chi sono io per dirlo che ho scritto la sceneggiatura di un fumetto una volta nel 1990 poi basta.

Di Dimentica il mio nome mi sento di dire che finalmente ho capito perché sono una superfan di Zerocalcare, nonostante io e lui non abbiamo niente in comune. Credo che sia perché entrambi abbiamo una visione compiuta del nostro personale romanzo di formazione. E Zerocalcare sa anche metterla a fumetti.

Detto questo, mi serve aiuto. Essendo che io e Zerocalcare non abbiamo (quasi) niente in comune, io più di metà dei suoi riferimenti pop non li capisco. Per esempio non ho idea di chi siano Blanka e Lady Cocca. Ho capito a grandi linee che sono personaggi di qualche videogioco. Poi non ho mai visto Kung Fu Panda ma più o meno ho presente i personaggi. Ma se Blanka è lo studente, Lady Cocca è la madre e il padre è il papero padre di Kung Fu Panda, la nonna che uccello è? Scusate non ho proprio capito. E’ imbarazzante. E’ un papero generico?

Perché se è un papero generico allora ho una teoria. Funziona tremendamente bene perchè è spaurita e fuori posto come il Punpun di Inio Asano. No, ora sto peggiorando la mia situazione, so che tanti di voi odiano moltissimo Inio Asano. But bear with me. Se è un papero generico è tenerissima, è un personaggio unico, straniato. Tutto il contrario dei personaggi di Zerocalcare finora, che o sono emanazioni della mente del protagonista o sono maschere comiche pure.

Vabbè, scusate. Ho anche provato a googolare la nonna di Zerocalcare ma  senza successo. Magari è un personaggio che conoscete benissimo tutti. Che vergogna.

Comunque bel libro, credo che ne verranno ancora di migliori.

volpe

Advertisements