La bambina

Mi è dispiaciuto un sacco non andare a sentire Vanna Vinci e Paolo Nori a Mantova che parlavano delle bambine, lei della bambina e lui della battaglia. Tra l’altro io il libro sulla battaglia non l’ho ancora letto purtroppo, però leggo sempre il blog quindi della battaglia so già un sacco di cose, e la bambina la leggo da tanti ma tanti anni che secondo me si era ancora ai tempi di mondo naif.

Ma insomma questo evento c’era alle 10 di un giovedì mattina, come si fa andare in un posto qualunque alle 10 di giovedì mattina, se hai tempo di fare una cosa del genere significa che non lavori e allora non hai i soldi per il biglietto del treno e non riesci ad andarci lo stesso. Così sembra che io voglia dire che al mondo lavoro e fatico soltanto io. Ma quello che voglio dire in realtà è che i festival secondo me tendono a discriminare i lavoratori comuni in quanto non intellettuali, io mi lagno sempre di questa cosa e oggi è un momento come un altro del sempre, quindi mi lagno.

Comunque insomma, di recente ho letto La Casati che è fascinosissimo, ma il meglio per me rimane sempre la bambina.

bambina

Advertisements