Drina

Parlare della vita privata della giovane regina Vittoria è un esercizio che può essere molto semplice, basta chiudere bene tutte le porte di palazzo e non guardare mai dalla finestra, che poi è un po’ quello che i sovrani di una monarchia parlamentare desiderano e/o sono condannati a fare, oppure può essere difficilissimo, perché fuori la vita è miserabile, orribile, fumosa e magnetica, perfetta per la letteratura e il cinema.

Victoria in queste settimane prova una via di mezzo, ammette qualche sbirciatina  blanda al mondo esterno, prova a scendere le scale downstairs per trovare subplot tediosissimi (servi infingardi fanno la cresta sull’acquisto delle candele).

Ma le tappezzerie sono belle, Melbourne è piacente, Albert intrigante, Jenna Coleman molto bravina e Dash corre qua e là, quindi siamo contenti lo stesso.

victoria

Save

Save

Advertisements