Accozzaglia

Vi ricordate quando nella posta trovavamo i gadget del berlusconismo, la calcolatrice che fa un solo calcolo, la biografia illustrata, le foto dell’anziana madre. Essendo che non c’è mai fine al peggio, ora abbiamo nella cassetta della posta la propaganda governativa renziana.

Non è bastato smettere di andare alla Festa dell’Unità, smettere di andare all’Ipercoop, basta circoli ARCI, evitare di sostituire la tv rotta. Ogni mattina leggo le pagine di Corriere e Repubblica, le leggo perché devo, lo faccio subito, così poi non ci devo pensare più, non devo vedere la faccia di Renzi né subire i sui insulti per almeno 24 ore. Purtroppo poi nel corso della giornata leggo su altre fonti tante brutte notizie, vedo orribili cose dalla finestra o spesso anche nella stanza in cui mi trovo, e molte di queste sono palesemente riconducibili alle politiche renziane, in particolare quelle che hanno colpito e affondato lavoro e ambiente.

Questa sensazione di vivere soli e assediati è sgradevole, ma potrebbe essere peggio, per esempio non so oso pensare chi sarà il prossimo atroce leader.

La mia vita politica è molto cambiata negli ultimi anni. Se il 4 dicembre vincerà il NO sarà grazie ad una sorta di stampalata maggioranza silenziosa, e per la prima volta io farò parte di una maggioranza silenziosa. Nel caso, vi farò sapere come ci si sente.

no

Advertisements